Il Consiglio Nazionale degli Architetti P.P.C ha pubblicato il Rapporto 2013 sulla professione di Architetto realizzato dal Cresme e dal Centro studi del Consiglio Nazionale degli Architetti PPC .

I temi affrontati spaziano dalla congiuntura economica alla condizione lavorativa e professionale degli architetti con un approfondimento sulla situazione dei più giovani, passando per la questione dell’internazionalizzazione .

Il Rapporto si pone l’obbiettivo di ricostruire lo stato attuale e l’evoluzione della professione anche attraverso la presentazione e l’analisi delle statistiche demografiche fornite al Consiglio Nazionale dai singoli ordini provinciali, la collezione e lo studio delle statistiche sui redditi e sui volumi d’affari (Inarcassa e Agenzia delle entrate), delle statistiche universitarie e delle abilitazioni professionale (fonte MIUR), delle statistiche sull’inserimento occupazionale dei neolaureati (Almalaurea); il tutto in un’ottica di comparazione sia Internazionale (attraverso l’indagine condotta dal Consiglio Europeo degli Architetti nel 2012) che nazionale (nel confronto con le altre categorie professionali).

Nel complesso la combinazione di crisi economica e inversione del ciclo edilizio ha comportato dal 2006 al 2012 la perdita di quasi un terzo del reddito professionale annuo, tanto che nel 2012 il reddito medio potrebbe essere sceso a poco più di 20 mila euro, contemporaneamente, il mercato potenziale degli architetti nelle costruzioni, ovvero la quota degli investimenti in costruzioni facente riferimento ai soli servizi di progettazione, si è quasi dimezzato.

Il Rapporto 2013 professione Architetto

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

*